Regolamento Villa Bertinoro

15 November 2021

Il Signore custodirà il tuo entrare ed il tuo uscire (Sal. 121)

PREMESSA

Nella fatica dei lunghi mesi dell’autunno e dell’inverno scorsi così come nel rifiorire delle attività e delle relazioni di questa primavera, mascherina, distanziamento ed igienizzazione delle mani e tutte le loro declinazioni hanno scandito le giornate di tutti, anziani e bambini, adulti e giovani, famiglie e singoli.

E… questa estate IN VACANZA A VILLA BERTINORO?…con STILE e METODO! seguendo con responsabilità le disposizioni nazionali, regionali e provinciali vigenti

Il presente regolamento è redatto con riferimento al 23 giugno 2021 e sarà prontamente aggiornato all’entrata in vigore di nuove e diverse disposizioni.

 

Prima  parte – IL DISTANZIAMENTO

LASCIAMO SPAZIO (agli amici, agli incontri casuali, alla cura per la nostra ospitalità,

al divertimento, a…)  attorno a noi ed in noi… almeno 1 metro! se del caso, 2!

1) Ad oggi, 23 giugno 2021 è tutt’ora in vigore l’art. 1 del DPCM 2 marzo 2021 in forza del quale “È fatto obbligo di mantenere una distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro”, e “L’uso del dispositivo di protezione delle vie respiratorie (mascherina) integra e non sostituisce le altre misure di protezione dal contagio quali il distanziamento interpersonale e l’igiene costante e accurata delle mani.”.

I protocolli per la ripresa in sicurezza delle diverse attività economiche e sociali vigenti allungano a 2 mt. lo spazio fra quanti fanno sport, attività  motoria, cantano, sono relatori ad un incontro e simili.

Escluse alcune attività (sport…) e condizioni (malattia, disabilità…) personali specifiche, nonché i rapporti fra i conviventi e lo spazio della propria casa (camera), non è prevista nessuna vera eccezione fra i luoghi al chiuso e quelli all’aperto: solo un maggiore rigore per i primi ed una più ampia tolleranza per i secondi; in entrambi i casi la misura è data dalla responsabilità personale ancor prima che dal centimetro… anche a Villa Bertinoro!

2) Il giorno di arrivo Villa Bertinoro aprirà ai nuovi ospiti alle ore 17.00: prima non sarà possibile accedere neppure per scaricare i bagagli od usufruire dei servizi igienici.

Il giorno della partenza le stanze dovranno essere lasciate pulite e libere da tutti gli effetti personali degli ospiti entro le ore 8.00 e tutti gli ospiti dovranno lasciare Villa Bertinoro entro le ore 9.30.

E questo per poter garantire prima dell’ingresso di nuovi ospiti quel minimo di spazio temporale che, sfruttando il naturale decadimento del virus, garantisce una maggiore efficacia delle operazioni di pulizia e sanificazione degli ambienti e degli arredi.

3) Ad inizio turno, l’ingresso degli ospiti avverrà scaglionato.

Rispettando l’ordine di arrivo, su invito del personale che curerà l’accoglienza, uno solo per ciascuna famiglia/gruppo di amici, indossando la mascherina (chirurgica, di stoffa… in ogni caso senza filtro) si presenterà allo sportello per ricevere dal direttore le chiavi della stanze e il modulo “Dichiarazioni e l’assunzione di impegni”, contenente anche copia del presente regolamento. Entro la colazione del giorno successivo, detto modulo, compilato e firmato da ogni ospite, deve essere restituito al Direttoreal quale andranno anche esibiti i documenti di identità degli ospiti maggiorenni. Il Direttore non tratterà detti documenti ma, previa igienizzazione delle mani, si limiterà a prenderà visione e ad annotare gli estremi del documento di identità del capo-famiglia/capo-gruppo.

Ai fini del controllo degli spostamenti da zone eventualmente a maggior rischio contagio, nel modulo sarà necessario dichiarare, oltre alla residenza, il luogo preciso da cui si è partiti per raggiungere Fontanazzo.

Infine, il capo-famiglia/capo-gruppo concorderà con il Direttore giorno ed ora per il pagamento del saldo, che dovrà avvenire come gli scorsi anni entro 3 giorni dall’arrivo.

Ricevute chiavi e moduli, solo 1 componente della famiglia/gruppo di amici potrà utilizzare l’ascensore per portare al piano i bagagli.

Gli altri componenti della famiglia/gruppo di amici indossando la mascherina (chirurgica, di stoffa… in ogni caso senza filtro) se necessario raggiungeranno la stanza utilizzando le scale, ricordando che occorre rispettare le indicazioni per la salita e la discesa e che scale e corridoi dei piani sono utilizzabili solo per il transito: nessun bagaglio, oggetto… degli ospiti può essere lasciato in deposito, neppure temporaneo, né gli ospiti vi possono sostare, non ultimo per il rispetto dell’altrui riposo e privacy.

4) Nella sala da pranzo, ad ogni famiglia/gruppo di amici che condivide per il pernottamento  la stessa stanza sarà assegnato un tavolo nominativo: per tutto il turno e per ogni pasto (colazione, pranzo e cenalo stesso tavolo con le medesime sedie e nell’identico posto, così da custodire il richiesto spazio di almeno 1 mt .

Nominativi e personali saranno anche oliera, sale e pepe.

5) All’interno ed all’esterno nelle zone comuni (bar, sala TV, gazebi, terrazzo davanti all’ingresso..) il numero dei tavoli e delle sedie, la loro immodificabile posizione, così come predisposti e segnalati dalla direzione, indicheranno lo spazio utilizzabile, il distanziamento da mantenere ed il numero massimo di ospiti che possono soggiornarvi contemporaneamente e continuativamente. Eventuali ospiti in piedi oltre detto numero massimo creerebbero il sempre vietato, anche all’aperto, assembramento. è invece sempre possibile transitare e/o sostare brevissimamente.

è affidato alla responsabilità di ciascuno evitare un uso esclusivo o troppo prolungato degli spazi comuni da parte di alcuni a discapito di altri.

 

Seconda  parte – LA MASCHERINA

A VISO APERTO (verso gli amici, gli incontri casuali, la cura per la nostra ospitalità,

il divertimento, verso…)  seppur coperto, in parte ed a volte

1) A far data dal 28 giugno e fino al 31 luglio, nelle “zone bianche” cessa l’obbligo di indossare la mascherina negli spazi all’aperto?

Sì, se è possibile mantenere continuativamente il distanziamento di 1 mt e non ci si trova in una situazione di assembramento od anche solo affollamento.

NO, se non si può lasciare spazio, se si è in diversi (affollamento) o addirittura in troppi (assembramento) in un luogo proporzionalmente piccolo, ri-stretto.

2) E al chiuso? Negli spazi comuni permane l’obbligo generalizzato per gli over 6 anni di indossare la mascherina. Uniche eccezioni: essere da soli o durante i pasti.

3) A Villa Bertinoro gli ospiti:

– all’aperto, nella splendida cornice delle montagne della val di Fassa, indosseranno la mascherina in crocchio per…chiacchierare, al tavolo per giocare a carte, a monopoli…, durante la S. Messa, i momenti di incontro… (per esplicita disposizione dei relativi Protocolli ad oggi ancora in vigore e non modificati).

– all’interno, negli ambienti comuni, gli ospiti che hanno compiuto i 6 anni di età di regola indosseranno la mascherina, che toglieranno dopo essersi seduti al proprio tavolo nella sala da pranzo per i pasti (colazione, pranzo e cena) o nella zona bar il tempo strettamente necessario per la consumazione.

Il personale, invece, durante il servizio in presenza degli ospiti indosserà la mascherina sempre, anche all’aperto (per esplicita disposizione dei relativi Protocolli ad oggi in vigore e non modificati).

 

Terza  parte – L’IGIENIZZAZIONE

CHE SPLENDORE gli amici, gli incontri casuali, la cura per la nostra ospitalità,

il divertimento…ESSERE IN VACANZA a Villa Bertinoro!

1) Strategicamente, perché venga naturale adempiere all’obbligo di disinfettarsi le mani prima di accedere, 1 dispenser con soluzione idonea per la corretta pulizia delle mani si troverà:

– all’entrata di Villa Bertinoro

– di fianco al bar

– all’ingresso della sala da pranzo

– di fianco alla porta dell’ascensore, al piano terra e ad ogni piano

– nel pianerottolo delle scale, ad ogni piano.

Sarà possibile lavarsi le mani con acqua e sapone a piano terra nell’antibagno ed alla fontana esterna.

Essendo ogni stanza dotata di bagno privato, i servizi igienici a piano terra saranno chiusi e non saranno utilizzabili dagli ospitiescluse esigenze particolari per ospiti diversamente abili. In tal caso l’ospite all’arrivo concorderà tempi e modalità per l’uso direttamente con il Direttore.

2) Salvo condizioni meteorologiche proibitive, porte e finestre degli ambienti comuni saranno mantenute il più possibile aperte, o comunque saranno aperte per u n congruo tempo ogni ora,  in modo da garantire il ricambio naturale d’aria

3) Per i pasti si utilizzeranno tovaglie cerate igienizzabili dopo ogni utilizzo, ed è possibile che si opti per l’uso anche di altri utensili usa e getta, scelti comunque di materiali con basso impatto ambientale.

4) Tutti i pasti saranno serviti dal personale: pranzo e cena al tavolo; a seconda della tipologia di ospiti (famiglie o gruppi) è possibile che per la colazione sia scelta la forma del buffet. Al solito, il menù sarà affisso in sala da pranzo entro la cena del giorno precedente e le richieste di variazioni e/o di cestini dovranno essere comunicate al direttore entro le ore 21.00 del giorno precedente.

Per una doverosa attenzione ad evitare sprechi, il parmigiano sarà servito su richiesta dal personale.

Anche il servizio del bar, compresi la scelta del gelato, di un qualche prodotto quali caramelle, cioccolata, patatine… sarà fornito esclusivamente dal personale.

5) Il personale garantirà la pulizia 3 volte al giorno degli oggetti e degli arredi (tavoli, sedie, maniglie, corrimano, maniglie…) delle parti comuni maggiormente soggetti al contatto di più persone diverse, ma si chiede che ciascun ospite provveda direttamente alla pulizia specifica prima dell’utilizzo di tavoli e sedie comuni. In ogni spazio comune sarà messo a disposizione il necessario.

6) Durante il turno le chiavi della stanza ed ogni altro oggetto e indumento personali dovranno essere custoditi direttamente dagli ospiti, che pertanto li porteranno con loro o li conserveranno nella stanza, in auto…: oggetti lasciati incustoditi nelle parti comuni, all’interno ed all’esterno della casa, purtroppo dovranno essere gettati.

7) Ad ogni cambio turno in ogni stanza i copri-materasso, i copri-cuscino e le coperte verranno sostituiti dal personale con altri puliti.

Gli ospiti porteranno da casa la biancheria da letto e gli asciugamani e provvederanno direttamente alla pulizia della stanza loro assegnata:

– durante il turno con le modalità ordinarie;

– ove previsto, a fine turno seguendo, dopo aver pulito con cura bagno, stanza, armadi e comodini, scrupolosamente queste indicazioni:

Ÿ copri-materasso e copri-federe non andranno tolti, ma dovranno essere lasciati, insieme alle coperte utilizzate, stesi sui letti;

Ÿ cassetti, ante degli sportelli di comodini, armadi, mobiletto bagno ed ogni altro arredo andranno lasciati aperti;

Ÿ  se il bagno non ha la finestra, la ventola/aspiratore andrà lasciata accesa e funzionante con la porta aperta;

Ÿ  finestra e porta della stanza andranno lasciate aperte, preoccupandosi, soprattutto in caso di maltempo, di fermarle in modo che non sbattano;

Ÿ  il sacchetto del cestino del bagno dovrà essere tolto, anche se vuoto o riempito solo in parte, chiuso con cura e lasciato fuori dalla porta della stanza;

Ÿ le chiavi della stanza andranno riconsegnate al direttore lasciandole nell’apposito contenitore con soluzione disinfettante.

 

CONCLUSIONE

Queste scelte chiedono di essere completate e supportate con comportamenti, da parte di personale ed ospiti, coerenti anche per le attività e le frequentazioni svolte al di fuori di Villa Bertinoro.

Il Comitato di gestione garantisce serietà da parte del personale. Il direttore definirà spazi e percorsi riservati agli inevitabili contatti con i fornitori e limiterà allo strettissimo necessario l’accesso di personale esterno.

Si chiede agli ospiti di rispettare specialmente le norme per lo svolgimento dell’attività sportiva e quelle specifiche, se previste, per lo svolgimento delle escursioni, passeggiate, ferrate… in particolare ove organizzate da gruppi formati da più famiglie e/o amici che non condividono per il pernottamento la stessa stanza.

Ovviamentecon temperatura superiore ai 37,5° e/o ai primissimi sintomi influenzali l’ospite resterà nella sua stanza indossando continuativamente mascherina chirurgica, avviserà immediatamente il direttore di Villa Bertinoro e seguirà scrupolosamente le sue indicazioni.

 

Si evidenzia, altresì, che nella fase attuale nella quale la campagna vaccinale è in corso e non risulta ancora raggiunta una copertura adeguata della popolazione, in considerazione delle indicazioni scientifiche internazionali che non escludono che il soggetto vaccinato possa contagiarsi, pur senza sviluppare la malattia, e diffondere il contagio, si ritiene che allo stato attuale il possesso e la presentazione di certificazioni vaccinali non sostituisca il rispetto delle misure di prevenzione e contrasto della diffusione dl contagio quali ad esempio il distanziamento interpersonale, l’utilizzo della mascherina, l’igienizzazione delle mani e delle superfici.

(Dalle “Linee guida per la ripresa delle attività economiche e sociali – Roma, 28 maggio 2021)